Oggi, con quest’articolo, vogliamo introdurvi all’ utilizzo dei browser nella loro versione portable (senza però consigliarvene o sconsigliarvene l’uso).

Se diciamo che un software è “portatile” in pratica intendiamo che questo può essere installato su una semplice chiavetta USB. Di conseguenza, collegando la periferica ad un qualsiasi computer, il software sarà eseguibile, senza effettuare il setup.

Alcuni browser che possiamo installare sulla nostra chiavetta USB
image from: Chiavetta: http://bit.ly/KJXeHR.
Loghi: http://bit.ly/LweyAI,http://bit.ly/L5pPFj, http://bit.ly/MWJ5qA, http://bit.ly/LxHCV9
Modifica immagine by Alessandro Raso

In base a questa breve spiegazione, emergono i vantaggi nell’utilizzo di un browser portable:
– si esegue una sola volta il setup del programma, anziché tante volte quanti sono i computer con i quali volgiamo utilizzarlo. Sappiamo che quest’operazione che può richiedere diversi minuti.
– può capitare di accedere ad una rete locale dove non ci è consentita l’installazione di un software per la navigazione diverso da quello predefinito. Si aggira però il problema utilizzando il browser già installato sulla nostra periferica.
i preferiti, la cronologia e tutte le impostazioni personali vengono memorizzate sulla chiavetta e si spostano con noi di computer in computer. Si risparmia tempo nell’eventuale copia di dati e si ha un certo  comfort  lavorando sempre con la stessa configurazione del browser. Inoltre se si accede ad una macchina non nostra non c’è rischio di lasciare “in ricordo” dati come la cronologia delle pagine visitate.

Tuttavia esistono anche degli svantaggi:
– un software portable è a tutti gli effetti un programma differente dalla sua versione “locale”; conseguentemente potrebbe non essere altrettanto sviluppato. Potrebbe avere meno caratteristiche, meno strumenti, una grafica peggiore, ecc.
– l’esecuzione di un programma da chiavetta è leggermente più lenta che l’esecuzione da disco rigido.
– un supporto di archiviazione di massa si può smarrire, e con esso tutti i dati salvatici sopra; se viene rimosso durante l’utilizzo del programma questo smette di funzionare;  se dimentichiamo la periferica a casa non ci è possibile usare il nostro browser; si corrono cioè tutti i rischi collegati al normale utilizzo di una chiavetta USB.

Se siete interessati all’utilizzo di un browser portable vi linkiamo le pagine dove potete scaricare le versioni “portatili” esistenti per i più noti programmi di navigazione.
Facciamo riferimento a http://portableapps.com/apps/internet/opera_portable un ottimo sito che, come ci indica il nome, è specializzato nel settore dei software portatili (mantenendo anche un occhio di riguardo per la legalità).

MOZZILLA FIREFOX

GOOGLE CHROME

OPERA

MAXTHON

Per chi avesse notato (e rimpiangesse) la mancanza di una versione portatile di Internet Explorer: dato che non si tratta di un freeware, anche se viene distribuito gratuitamente assieme al sistama operativo Windows. Per tanto non ne esiste una versione gratuita disponibile online (legalmente).
Stesso discorso per quanto riguarda l’accoppiata Safari-Apple (anche se in rete è più facile trovare download gratuiti di questo software).

Questo è tutto, per quello che riguarda l’utilizzo di browser nella loro versione portable. Sperando di avervi introdotto ad una possibilità interessante della navigazione nel web, vi saluto. Al prossimo articolo!

Alessandro Raso.

Annunci