I vecchi e cari giradischi di una volta sono ormai fuori uso. Al giorno d’oggi è molto difficile trovare buoni giradischi che affrontino il problema qualità vs prezzo. È molto più semplice mixare utilizzando solamente un PC provvisto di software.

Giradischi: Gramofon Z Czterema Predkosciami

Infatti, fare il dj oggi è sempre più facile e il merito è di tutta la tecnologia di cui disponiamo. Non c’è bisogno di grandi qualità artistiche, perché ormai sono i software che forniscono già numerose opzioni per semplificare e velocizzare il lavoro del dj. La maggior parte dei “trucchi” che i dj di una volta hanno imparato con il vinile, solo dopo anni di dura pratica, oggi sono ormai obsoleti, in quanto è sufficiente premere pochi pulsanti per fare buona musica. Alcuni DJ del vecchio stile temono che il loro mondo della musica venga invaso da giovani ragazzi privi di esperienza, ma abilissimi ad usare questi programmi e disposti a lavorare a compensi molto bassi (gratis in alcuni casi). Quindi, anche i DJ di una volta, sono stati costretti in un modo o nell’altro a modernizzarsi per evitare di esser completamente sostituiti dalla nuova generazione che li costringe a diminuire le tariffe dei cachet.

Noi di Informaniacs, dopo alcune ricerche riguardo software per mixare canzoni, abbiamo deciso di proporvi una breve e semplice recensione del software: VIRTUAL DJ.

Virtual DJ è un software creato dalla compagnia Atomix che permette di dilettarsi nell’arte di mixare canzoni usando semplicemente il proprio PC. Quindi, invece di usare semplicemente i classici dischi vinile, si usano altre tipologie audio come CD, MP3 ecc.

Questo programma mette a disposizione dell’utente numerose opzioni, rendendo il mix molto più divertente ed emozionante. Particolarità del software è che, oltre ai tipici effetti musicali, sono presenti anche alcuni effetti visivi, nel caso di collegamenti a impianti di illuminazione.

Interfaccia Software

Da poco tempo a questa parte, Virtual DJ ha messo a disposizione anche una versione freeware, permettendo ai semplici amatori di fare una buona palestra per diventare DJ. Le versioni precedenti mettevano a disposizione solo un periodo di prova del software, al termine del quale era necessario registrasi per poter continuare ad utilizzare il programma. Oggi il sito ha preferito utilizzare la modalità concedere la versione VirtualDJ Home gratuita, ma con lo scopo di far appassionare gli utenti al prodotto e quindi per invogliarli ad acquistare la versione completa.

Particolarità di questo programma, ma anche di altri simili, è la possibilità di collegare al proprio PC delle console per semplificare il lavoro di mix.

Esempio di Console: Hercules DJ

Il sito ufficiale fornisce un’accurata descrizione del programma. Senza dare semplicemente qualche informazione riguardo alle versioni, ma anche come utilizzarle.

Tra tutte le versioni, quella più scaricata è sicuramente quella gratuita: VirtualDJ Home (scarica qui). Esistono però anche altre versioni più efficienti e con più caratteristiche che però sono a pagamento:

Virtual DJ Broadcaster, Virtual DJ Pro Basic e Virtual DJ Pro Full.

Esse differiscono soprattutto riguardo al supporto hardware e nella mappatura dei controlli. Per documentarsi meglio, riguardo a tutte le versioni e alle differenze che presentano, è possibile visitare direttamente la pagina del sito di Virtual DJ.

Usare Virtual DJ non è difficile, bisogna solo “fare un po’ di palestra” per prendere confidenza con le sue funzionalità. Inoltre, è possibile visitare la guida proposta dallo stesso sito di Virtual DJ, oppure guardare il seguente video tutorial che fornisce alcune semplici spiegazioni di come muoversi sul software.

Video Tutorial: Virtual DJ HOME – Come si usa

(Andrea)

Annunci